Auto civetta dotate di radar gestite da una società privata

Già elevati migliaia di verbali

Ecco la scelta della FRANCIA:

La Gendarmeria Francese, per la battaglia contro i “piedi pesanti”, ha cominciato a mettere su strada le prime auto civetta dotate di radar e gestite da una società privata.

Queste vetture in 3 mesi hanno già totalizzato 200 mila chilometri facendo alcune migliaia di verbali tra camion, furgoni e auto.

privatizzazione dei controlli limiti di velocità in francia
privatizzazione dei controlli limiti di velocità in francia

Come funziona?

E’ un sistema di autovelox mobile, corredato da microtelecamere ad altissima definizione.

Non sono previsti interventi dell’operatore.

Il sistema misura la velocità a cui si viaggia col satellite, dispone di un database con i limiti di velocità a seconda del tipo di veicolo, legge con il laser quella dei mezzi che incrocia, fotografa e registra le infrazioni e le trasmette in automatico alla centrale tramite 4G.

Un dispositivo costoso che però utilizzano soltanto un paio di ore al giorno.

Da qui l’idea di affidare ad una società privata in cui gli autisti devono solo guidare le auto, a turno, 24 ore su 24, lungo itinerari che non conoscono in anticipo e che il server centrale comunica loro sul navigatore di bordo.

Questo sistema azzera il rischio di danneggiamento degli autovelox fissi, vandalizzati in gran quantità negli ultimi anni, e moltiplica la capacità di controllo sulle strade.

Viene lanciato però un’allarme dalle associazioni di difesa dei guidatori.

Secondo loro infatti, così facendo, si moltiplica anche il numero dei verbali che già nel 2019 avevano raggiunto un milione e mezzo.

 

Fonte: Rivista Vado e Torno

Vedi anche: Come cambierà il trasporto dopo la pandemia